Rassegna Stampa

Su PANORAMA

Un crogiuolo meraviglioso di etnie e culture, sono tutti migranti. Tratti somatici mescolati rimbalzano sugli schermi, al centro e sui due lati, mentre ferve l’attività ai tavoli posti ai lati della scena. Il mondo intero si compone. Fino a rendere la sostanza di Panorama un grido politico per il diritto della persona ad essere ciò che sente di essere, lì dove vuole.
Mariateresa Surianello – Il Manifesto – 03 novembre 2018

Un’intelligenza corrosiva che rivendica la libertà di transizione, il diritto alla non-appartenenza e alla nostra condizione irrimediabilmente mista e dichiara che un luogo già garante di questa libertà c’è ed è il teatro, spazio per antonomasia di nomadismo dell’io, di identità molteplici e complesse, senza frontiere e luogo di accoglienza.
Anna Bandettini – la Repubblica – 06 maggio 2018

Ci insegnano fin da bambini, se siamo fortunati, che gli individui non sono mai solo la somma delle loro parti biologiche e sociologiche. Ma raramente ho visto un esempio più caloroso e coinvolgente di questa ribellione alla statistica di quello offerto da Panorama. […] Si lascia sempre una produzione di Motus con la sensazione di aver passato del tempo in mezzo a una folla che si va continuamente moltiplicando. Ogni persona in scena contiene moltitudini. […] In Panorama uno strip-tease implica inevitabilmente il togliersi di dosso un’infinità di strati. Ma arrivare alla pelle nuda non è nemmeno lontanamente la fine del processo. La forma, la consistenza, il colore di quella pelle potrebbero offrire qualche indizio sulla persona che ne è racchiusa. Ma arrivati a questo punto si è imparato – molto più profondamente di quanto qualsiasi corso di etica potrebbe insegnare – che le superfici sono solo l’inizio, e che le pelli sono fatte per essere lasciate cadere e mutare.”
Ben Brantley – The New York Times – 12 gennaio 2018

Motus torna in uno dei suoi luoghi preferiti, La MaMa nell’East Village, per considerare la possibilità di un mondo non incatenato dal nazionalismo – e, diavolo, anche dalla nozione stessa di nazione – nello spettacolo-performance Panorama, dalla costruzione a macchia d’olio, che suggerisce che migrare è semplicemente fare quello che viene naturalmente.
Ben Brantley – The New York Times – 11 gennaio 2018

Motus, come punto di riferimento della narrazione della verità contemporanea, è feroce e risoluto.
Bob Schuman – Stage Voices – 11 gennaio 2018

Animazione, danza, musica e patatine cheetos danno vita a un mondo infinitamente immaginativo, dominato dalla curiosità invece che dai confini. Panorama culmina in un affascinante e vertiginoso palinsesto di scambio di corpi, lasciando il pubblico allegramente incerto di dove questi corpi iniziano e finiscono.
Adil Mansoor – Contemporary Performance – 10 gennaio 2018

Lo spettacolo usa tecnologia complessa (proiezioni video che combinano immagini riprese in diretta e filmati registrati) in un modo che risulta organico per tutto il tempo, ma contiene anche molti momenti decisamente frammentari. Questo paradosso produce del teatro incredibile.
YesBroadway – 7 gennaio 2018


Su ÜBER RAFFICHE (nude expanded version)

Come i bambini che finiscono per non distinguere tra realtà e finzione, fondando arte e vita nell’immaginazione, così in « Über Raffiche » lo spettatore resta incantato e incapace di fare un gesto, in apparenza logico : alzarsi dopo aver notato che siamo al secondo o terzo giro della stessa azione. […] Insomma, si resta prigionieri della drammaturgia e ci si augura che non finisca mai. Un esempio di quella magia da adulti che solo il teatro può creare, perché solo il teatro mette in rapporto diretto le emozioni dei performer con quelle del pubblico.
Wlodek Goldkorn – L’Espresso – 17 Luglio 2017

 

L’attesa è colorata di un climax crescente, probabilmente mai portato alle estreme conseguenze, eppure con un acme e una fine. Questi due elementi così opposti alla meravigliosa e infinita attesa sospesa, al gustoso e insaziabile ritmo crescente, generano una rottura completamente discordante dall’effetto del loop.
Manuela Rossetti – Krapp’s Last Post – 19 Settembre 2017

 

 La complessità dell’atlante delineato dallo sguardo e dalla scrittura dei MOTUS incontra una scelta registica decisa che fa della ripetizione, della stereotopia motoria, dell’ironia, e dell’iperrealismo i suoi punti di forza. […] L’abilità delle attrici di destreggiarsi tra gli elementi della partitura, i tempi della sceneggiatura, il ritmo della musica e le reazioni del pubblico ipnotizza e lascia gli spettatori ancorati alle sedie.

Joele Sahel Schiavone – L’Amletico – 14 Settembre 2017


Su MDLSX

Silvia Calderoni dev’essere fatta di mercurio, o di qualche improbabile elemento liquido ancora da scoprire. Sicuramente nessun corpo composto di materia mortale potrebbe subire le imprevedibili trasformazioni ottenute da questa eccezionale attrice in “MDLSX”. Un lavoro che mescola le percezioni, ad opera della rivoluzionaria compagnia teatrale italiana Motus.
Ben Brantley – The New York Times – 10 Gennaio 2016

Mi sono innamorata di un lirismo patinato che riluce di riflessi fluorescenti, di colori polposi e inebrianti; mi ha sedotta l’intimità esplosa e avvolgente che sottomette la distrazione, la imbavaglia e la costringe a guardare.
Lucia Medri – Teatro e Critica – 4 Settembre 2015

Motus lavora sulle odierne faglie aperte in un denso tessuto storico e culturale, mentre tentano di ripensare gli strumenti e le pratiche del teatro […]. I tratti del personaggio di Silvia si dissolvono in un personaggio teatrale, il cui genere è mutevole, perché è a questo che l’attore si è sottoposto sin dall’alba dei tempi. […]. Motus e Silvia Calderoni ci ricordano con sconcertante forza che, una volta calato nel personaggio, l’attore non è né maschio né femmina.
Jean Louis Perrier – Mouvement – 4 Agosto 2015

Su quel piano inclinato si scivola verso un cuore di tenebra che dice la difficile conquista di una propria identità, fuori da stereotipi e pregiudizi. Ecco come si può fare teatro in modo politico.
Gianni Manzella – Il Manifesto – 25 Luglio 2015

Un lavoro sui confini, la musica, il corpo, il vischioso sé, l’immagine proiettata in un tondo sul fondale , che riprende e svela particolari, come nel glorioso Rooms, che devia, porta altrove, un darsi tra verità e finzione, tra spreco e calcolo, che chiede allo spettatore di lasciarsi incendiare, contagiare, di mettere ordine nelle sensazioni forti, negli stimoli concettuali, altrettanto forti, negli schiaffi esistenziali, negli incerti confini.
Massimo Marino – Doppiozero.com – 23 Luglio 2015

…il pubblico resta ipnotizzato, commosso, stupito, non tanto per l’indubbia bellezza formale di quello che si vede sul palcoscenico, ma per il coraggio, estremo e radicale della performer. E anche per la sua bravura; che unisce la spontaneità quasi animalesca (da sempre la cifra della Calderoni) con un controllo quasi maniacale di ogni gesto e movimento[…]. Non è esibizionismo, ma al contrario una messa in gioco radicale (ma senza autolesionismo come talvolta accade in questo tipo di messe in scena) della propria identità di genere.
Wlodek Goldkorn – L’Espresso – 22 Luglio 2015


Su NELLA TEMPESTA

[…] la compagni teatrale Motus è la più veramente rivoluzionaria in città. […] Nella Tempesta è un grido a gola spiegata ai giovani delusi ad alzare i loro posteriori collettivi, scuotersi dalle loro catene e fare qualcosa. Ideato e diretto da Daniela Nicolò e Enrico Casagrande, questa produzione trasforma un cast di sei persone e un assortimento di coperte in un giovanemoto di 80 minuti che probabilmente lascerà scossi e sconvolti anche gli spettatori più cinici.
Ben Brantley – The New York Times – 12th December 2014

Non convenzionale e provocatorio, per alcuni irriverente per i più coinvolgente, poetico ed emozionante: in una parola Motus con Nella Tempesta porta in scena l’ultima tappa di un percorso creativo internazionale in perenne bilico tra passato e futuro, e dove il ricorso ai capolavori classici serve per riflettere sulle deformazioni del presente.
Roberto Canavesi – TeatroTeatro.it

Motus la lezione del Living l’ha assimilata ma l’ha anche resa pertinente all’ambiente culturale e mediale contemporaneo.
Laura Gemini – Dars

Un atto di resistenza per non perdersi in questa maledetta tempesta.
Paolo Cervone, Il Corriere della Sera


Su SYRMA ANTIGONES

I Motus, in questo senso, sembrano essersi realmente posti in ascolto, sembrano capaci di avvertire questa disponibilità come nuova urgenza e sanno esplicitarla, sia leggendo il mondo coi mezzi di un’autentica ricerca teatrale, sia cercando di capire, e di chiarire, quale possa essere la posizione in questo mondo tanto di loro stessi […] quanto delle giovani generazioni che a questo mondo si volgono proponendo nuove chiavi di lettura e nuovi linguaggi artistici.
Paolo Randazzo – Dramma.it – 13 agosto 2010

La poetica dei Motsu si è trasformata come quella di nessun altro gruppo. Dalla fissità sugli aspetti glamour della nostra società (il cosiddetto glam era la bandiera degli anni Ottanta) alle sperimentazione tecnologiche (penso a uno spettacolo come Twin rooms), a Fassbinder, ai Racconti crudeli della giovinezza di ieri, uno spettacolo che cresce nella memoria. Che oggi con Iovadovia i Motus ci propongano una variazione sull’Antigone non è sorprendente, si tratta con chiarezza di una evoluzione “politica”.
Franco Cordelli – Corriere della Sera – 19 dicembre 2010

Per me la più grande rivelazione quest’anno è la feroce compagnia teatrale Motus, il cui Too Late! (antigone) contest #2 prende una serie di ingredienti logori (esercizi sugli animali da scuola di recitazione, interpretazione moderna di un testo classico, meta-commento) e li mette in scena con tali slancio e abilità che risultano freschi. Recitato (con sopratitoli) da due spavaldi performers, Silvia Calderoni e Vladimir Aleksic, asciuga la tragedia greca fino a uno spettacolo dagli alti rischi comunicati con viscerali gesti teatrali. Comincia da un abbraccio molto stretto che in un istante incapsula il misto di amore e violenza che caratterizza le relazioni sul palco.
Jason Zinoman – New York Times – 12 Gennaio 2011

Assediano non-luoghi nelle periferie oppure mettono in scena diverse espressioni di rabbia politica, da Genet, Pasolini e Fassbinder ad Antigone oggi. Dissezionano i testi, li frammentano, il meglio per far parlere gli eventi che stanno scuotendo il nostro mondo. La compagnia italiana Motus ci sta facendo domande dirette.
Bruno Tackles  – Mouvement – Ottobre-Dicembre 2010

Rifiutando di fare un teatro al riparo dal mondo o di assumere che “l’esterno non esiste”, Motus adatta la sua ricerca formale al deterioramento dell’esplosiva situazione politica e sociale del momento, rendendo il teatro un luogo di memoria per la riflessione tanto quanto per l’azione. Essendo divenuti creatori della scena europea che non possono essere ignorati, i membri della compagnia Motus, poeti dell’urgenza, vanno visti al più presto!
Catherine Robert – La Terrasse – Febbraio 2011